Annunciati investimenti per 16 miliardi di euro in ricerca e innovazione. La Commissione europea mira a sostenere crescita, occupazione e lavoro in tutti gli Stati membri a partire dai progetti smart city, Internet of Things e smart technologies applicate ai trasporti e l’industria. Sostegno anche alle Pmi.
Internet of Things

La Commissione europea ha annunciato ieri nuovi investimenti per migliorare la competitività in tutti gli Stati membri dell’Unione. Ulteriori 16 miliardi di euro saranno spesi in ricerca e innovazione nei prossimi due anni, sempre all’interno del programmaHorizon 2020.

La ricerca e l’innovazione vanno intesi come “I motori del progresso europeo”, ha dichiarato in una nota Carlos Moedas, Commissario per la ricerca, la scienza e l’innovazione, “fondamentali per affrontare le nuove sfide urgenti come l’immigrazione, i cambiamenti climatici, l’energia pulita e la tutela della salute nella società”. Risorse finanziarie spese bene, anche se in tempi di crisi, che contribuiscono sensibilmente a migliorare la qualità della vita dei cittadini e dei servizi in settori come la sanità, l’ambiente, i trasporti, l’alimentazione e l’energia.

Nello specifico, il programma sosterrà una serie di iniziative strategiche, tra cui:

  • l’ammodernamento dell’industria manifatturiera europea (1 miliardo di euro);
  • le tecnologie e le norme per i veicoli a guida automatica (più di 100 milioni di euro per i progetti “self-driving cars”);
  • Internet of Things (139 milioni di euro) per sostenere la digitalizzazione delle industrie dell’Ue;
  • Industria 2020 e l’economia circolare o smart economy (670 milioni di euro) per sviluppare economie forti e sostenibili;
  • città intelligenti e sostenibili (232 milioni di euro in progetti smart city) per migliorare l’integrazione delle reti ambientali, digitali, dei trasporti e dell’energia negli ambienti urbani dell’Ue.

L’innovazione a livello industriale, di infrastrutture, di servizi alle aziende e ai cittadini, a livello di Pubblica Amministrazione e di soluzioni in termini di sostenibilità energetica, garantirà fin da subito, secondo la Commissione, una diffusa crescita in termini dioccupazione, lavoro e competitività sui mercati internazionali.

Il programma, si legge in un comunicato della Commissione, garantirà una maggiore disponibilità di fondi per le imprese innovative, grazie alle nuove opportunità di mobilitazione delle risorse sostenute dal Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS), in aggiunta agli oltre 740 milioni di euro destinati a sostenere le attività di ricerca e innovazione in quasi 2000 piccole e medie imprese (Pmi).