Con il progetto SPAC3 i cittadini di Milano sono chiamati alla consultazione pubblica online sulla destinazione di alcune aree urbane in chiave smart city e smart community.


Smart City Milano

Individuare e sostenere iniziative smart city di innovazione urbana sul territorio di Milano è l’obiettivo del progetto SPAC3, servizi smart della nuova pubblica amministrazione per la citizen-centricity in cloud, che mira alla nascita di una città ‘a misura d’uomo’, all’offerta di servizi pubblici di qualità plasmati sui bisogni di individui e comunità, all’accessibilità e capillarità dei servizi, all’innovazione sensibile alle categorie più deboli.

Finalità dell’iniziativa è sviluppare una piattaforma digitale che (utilizzando il cloud computing, gli open data, tecniche di natural language processing e piattaforme di comunicazione digitale multicanale) agevoli la condivisione di iniziative e di idee per la gestione degli spazi in concessione dei servizi di zona, con il Comune di Milano nel ruolo di amministrazione pilota.

La città sarà quindi teatro della sperimentazione di smart technologies sul territorio e per soddisfare le esigenze di coloro che utilizzeranno la piattaforma e le soluzioni proposte, si è deciso di indagare da subito le abitudini di associazioni e cittadini, relativamente all’uso degli spazi zonali messi a disposizione dal Comune, con un rapido questionario online.

Il progetto SPAC3 è cofinanziato dalla Regione Lombardia (durerà fino al 30 novembre) ed ha il compito di sostenere la realizzazione di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale nel settore delle smart cities e delle smart communities.

Obiettivi di SPAC3:

  • Ottimizzare i processi della PA: sviluppare una piattaforma cloud prototipale per l’accesso e la fornitura di servizi della pubblica amministrazione al cittadino negli ambiti di scuola-educazione, sport-tempo libero, welfare-inclusione;
  • migliorare l’adattabilità dei servizi e l’accettazione dei cittadini: semplificare l’accesso ai servizi per i cittadini grazie allo sviluppo di innovative interfacce multimodali, un innovativo motore semantico e un servizio di “Agenda cloud” nella tutela della privacy del cittadino;
  • fornire le prospettive di adozione su larga scala: valutare l’impatto sull’ecosistema di business nella filiera della fornitura di servizi, con l’obiettivo di creare società miste pubblico-private che forniranno servizi on-demand ad alto valore aggiunto e a basso costo per l’utente finale.