Fonte: http://saperi.forumpa.it/story/116050/finmeccanica-selex-es-e-ibm-insieme-la-cyber-security

Il “Centro di competenza” di Selex ES e IBM proporrà a organizzazioni pubbliche e private soluzioni per la difesa delle infrastrutture informatiche e dell’Intellectual Property, due fattori fondamentali per la competitività del sistema-Paese, assicurando la qualità e la continuità dei servizi destinati a cittadini e imprese.

Considerando che l’80% dei cyber-attacchi proviene da una criminalità informatica organizzata e professionale e che la consapevolezza dei rischi legati alla vulnerabilità non è ancora pienamente diffusa, proteggere il patrimonio delle informazioni costituisce una priorità per Paesi e singole organizzazioni, specie se impegnate in un processo di trasformazione digitale come, appunto, nel caso dell’Italia.

IBM apporterà al “Centro di Competenza” virtuale l’esperienza del gruppo di ricerca internazionale X-Force, che fornisce le conoscenze e le raccomandazioni per prevenire, rilevare e rispondere alle minacce emergenti. Il Centro potrà inoltre far leva su X-Force Exchange, la piattaforma aperta IBM, la quale mette a disposizione delle aziende pubbliche e private le informazioni relative alle minacce, con l’obiettivo di promuovere la collaborazione per la protezione dai rischi informatici.

Selex ES, a sua volta, metterà a disposizione le competenze sviluppate su scala internazionale per clienti quali la NATO ed alcuni Ministeri sia italiani sia del Regno Unito, nonché il know-how nella prevenzione e gestione operativa della cyber security, sviluppato nei Security Operation Center e nel Centro italiano di Supercalcolo di Chieti specializzato nella “Open Source Intelligence”.

IBM e Selex ES intendono, in definitiva, avvalersi delle esperienze nella progettazione e nella realizzazione di Security Operation Center, nonché delle rispettive capacità di Cyber Threat Intelligence che permettono di anticipare le minacce, segnalando per tempo le vulnerabilità e le possibili azioni criminose.

Le due aziende faranno leva su competenze maturate grazie a importanti investimenti, su una costante attività di ricerca, sulla disponibilità di esperti che quotidianamente applicano il proprio know-how a progetti in ogni area geografica e su asset proprietari fondamentali per la gestione tempestiva di attacchi informatici.