Fonte: Lazio Innova

La Regione Lazio ha istituito con la L.R. 10/2006, art. 1, commi 20-28 il Fondo per il Microcredito, al fine di prestare garanzia per l’erogazione di piccoli finanziamenti, a tasso agevolato, a soggetti che hanno difficoltà di accesso al credito bancario.

A CHI SI RIVOLGE

I beneficiari, coerentemente con quanto indicato dalla Legge Regionale e dal Regolamento del Fondo, possono essere compresi nei seguenti assi d’intervento:

  • ASSE A: microimprese costituende o costituite (cooperative, società di persone e ditte individuali), che abbiano difficoltà di accesso al credito ordinario; sono escluse le società di capitali;
  • ASSE B: persone fisiche che presentino evidenti difficoltà di accesso al credito bancario ordinario, capaci di produrre redditi certificati;
  • ASSE C: persone sottoposte ad esecuzione penale, intra o extra muraria, ex detenuti da non più di 24 mesi, nonché conviventi di detenuti.

LE SPESE AMMISSIBILI

Per le persone fisiche sono considerate ammissibili le spese inerenti i bisogni primari dell’individuo: spese per la salute, per la casa e per beni durevoli essenziali.

Per quanto riguarda le imprese, sono ammissibili, al netto di IVA, le seguenti tipologie di spesa:

  1. spese legate al funzionamento dell’attività (canoni di locazione per i primi 6 mesi, materie prime, scorte);
  2. acquisto brevetti, realizzazione del sistema di qualità, certificazione di qualità, ricerca e sviluppo, realizzazione del sito WEB;
  3. opere murarie ed assimilate, comprese quelle per l’adeguamento funzionale dell’immobile, per la ristrutturazione dei locali, nel limite del 50% del totale delle spese ammesse;
  4. acquisto di impianti specifici, macchinari e attrezzature nuovi di fabbrica o usati, solo se certificati dal rivenditore/concessionario autorizzato, arredi;
  5. investimenti dell’impresa nel campo della sicurezza dei luoghi di lavoro, dell’ambiente e del consumatore e, tra questi, investimenti specifici volti a ridurre l’impatto ambientale, i consumi energetici o idrici o lo smaltimento o riciclaggio dei rifiuti.

Solo in caso di imprese già costituite, sono ammissibili interventi di consolidamento del passivo (affitti arretrati, pagamento fatture insolute), ad esclusione di qualsiasi tipologia di imposte e tasse statali o locali.

CARATTERISTICHE TECNICHE

I finanziamenti sono erogati dalle banche appositamente convenzionate con Lazio Innova e sono stipulati sotto forma di mutui chirografari.

Gli interventi in favore delle persone fisiche hanno le seguenti caratteristiche:

  • importo minimo: € 1.000,00
  • importo massimo: € 10.000,00
  • durata massima: 3 anni
  • tasso: 1,00%

Gli interventi in favore delle persone giuridiche hanno le seguenti caratteristiche:

  • importo minimo: € 5.000,00
  • importo massimo: € 20.000,00
  • durata massima: 7 anni
  • tasso: 1,00%

L’erogazione avviene mediante la copertura diretta delle spese o delle situazioni debitorie indicate dai beneficiari, tramite la banca convenzionata: pertanto non è prevista l’erogazione di liquidità.

In ogni caso, l’esigenza di finanziamento deve avere carattere straordinario, temporaneo ed il prestito deve essere risolutivo rispetto al problema per il quale viene richiesto.

In caso di prestiti personali, gli stessi possono essere concessi esclusivamente a soggetti capaci di produrre redditi certificati (stipendi, pensioni, ad eccezione delle pensioni di invalidità, ecc,).

L’intervento del Fondo garantisce alla banca il 90% del rischio assunto con l’erogazione del finanziamento.

La banca provvede ad incassare le rate versate dai beneficiari con scadenza mensile e, in caso di ritardo o mancato pagamento delle rate, informa Lazio Innova S.p.A. affinché valuti le modalità di intervento da adottare per il recupero del credito.

Le banche interessate possono aderire all’intervento sottoscrivendo la convenzione.

Attualmente è convenzionata la Banca di Credito Cooperativo di Roma.

COME PRESENTARE LA DOMANDA

Possono presentare la domanda di microcredito i soggetti in possesso dei requisiti descritti nell’Avviso pubblico.

Per fare richiesta di microcredito è necessario prendere contatto con Lazio Innova tramite il numero verde 800 989 796 oppure inviare una e-mail per ricevere informazioni al seguente indirizzo di posta elettronica: microcredito@lazioinnova.it

Il percorso è a totale titolo gratuito.

Gli interessati, ricevuto un codice identificativo, saranno ricontattati per un incontro con uno degli operatori territoriali dislocati sull’intero territorio regionale, che Lazio Innova ha selezionato con apposito bando pubblico.

Esistono anche operatori territoriali di diritto (non sottoposti a selezione) quali il BIC Lazio e l’Ufficio del Garante per i diritti dei detenuti del Lazio, che ha competenza sugli interventi ricadenti nell’Asse C.

Nel caso di valutazione positiva da parte di Lazio Innova (merito agevolativo), la domanda è trasferita alla banca convenzionata, che procede alla valutazione di merito creditizio. La banca comunica l’esito dell’istruttoria a Lazio Innova che redige appositi elenchi, che vengono sottoposti al Comitato Tecnico di Coordinamento (CTC) e quindi trasmessi alla Direzione Regionale competente per l’approvazione, con Delibera della Giunta regionale, dell’esito della procedura. Gli elenchi approvati con DGR e pubblicati sul BURL sono trasmessi da Lazio Innova alla banca convenzionata che, in caso di delibera positiva, stipula il contratto di mutuo con il beneficiario e provvede ad erogare il finanziamento, mediante copertura diretta.